Famiglia delle CORNACEAE

CORNUS (GENERE)

Al GENERE CORNUS, principale rappresentante della Famiglia delle Cornaceae, appartengono più di 60 specie di alberi e arbusti principalmente decidui con foglie lanceolate-ovate, fiori piccoli portati in fitte ombrelle o mazzetti che sono seguiti da fitti grappoli di piccole bacche o frutti carnosi (drupe).
Queste piante vengono coltivate per le brattee appariscenti, il portamento elegante, il colore variopinto dei frutti e delle foglie autunnali.
Ci soffermiano a destrivere il Corniolo, la Sanguinella e il Cornus elegantissima variegata, presenti nei nosti Parchi cittadini. Altre varietà molto diffuse e apprezzate sono il Cornus Alba caratterizzato da getti invernali rosso fuoco, il Cornus Aurea da foglie gialle, il Cornus florida o Cornus kousa riconoscibile per le ampie brattee bianche obovate e per i frutti carnosi di colore rosso di 2-4 cm simili alle fragole.

CORNIOLO ( Cornus mas)

Sinonimi: Corniolo maschio, Cornio, Corniello, Corgnolo, Cornelian cherry — Provenienza: Europa centro-meridionale fino al Mar Nero — Famiglia: Cornaceae

Esemplari a Bollate: Parco Centrale, Parco Camilleri, via Zandonai, Parco Expo 2015

Piccolo albero o arbusto caducifoglie, alto fino a 5-6 metri e altrettanto esteso in larghezza; cresce spontaneo dal piano ai 1500 m e può vivere sino a 100 anni. In Italia è ubiquitario, tranne che nelle isole.

Foglie: sono semplici (4-10 cm di lunghezza e 2-4 di larghezza), opposte con picciolo breve e peloso, di forma ovata o arrotondata con apice acuminato, una nervatura centrale e 4-5 coppie di nervature laterali, arcuate che convergono verso la punta ed il picciolo, margine liscio e compagine un po’ ondulata. Il colore è verde, più chiara la faccia inferiore.

Fiori: ermafroditi, di colore giallo dorato che sbocciano prima delle foglie da febbraio ad aprile; si presentano come corimbi semplici diffusi lungo tutto il ramo con 4 brattee di colore verdognolo sfumato di rosso. La corolla è a 4 petali acuti, glabri (senza peli), di colore giallo-dorato, odorosi.

Frutti: maturano in agosto e sono drupe (frutto carnoso) a forma di ciliegia allungata (anche di 2 cm) verde inizialmente, a maturazione assume colore rosso-scarlatto o rosso corallo (talora giallo), dal sapore dolce-acidulo con un seme osseo.

Utilizzo/Particolarità : come pianta ornamentale in parchi e giardini, per le foglie brillanti e la miriade di fiori gialli che compaiono a primavera. Il nome cornus si riferisce alla durezza del suo legno simile al corno. Il termine botanico di corniolo mas (maschio) sottolinea la resistenza del suo legno, utilizzato dai greci per costruire le aste delle lance e per costruire denti di ruote e ingranaggi soggetti a logoramento.
I frutti possono essere consumati freschi o utilizzati per preparare marmellate, composte e succhi. Si utilizzano anche per produrre bevande, liquori o si conservano sotto alcol come le ciliegie. Anche gli animali sono ghiotti dei suoi frutti.
Come pianta medicinale ha una azione tonico-astringente. In cosmesi la polpa viene usata come astringente per pelli grasse o seborroiche e nella cura delle malattie della pelle.

Per saperne di più: Wikipedia —- ActaPlantarum —- Agraria.org

SANGUINELLA (Cornus sanguinea)

Sinonimi: Corniolo sanguinello, Sanguinello, Sanguine — Provenienza: Europa e Asia Minore — Famiglia: Cornaceae

Esemplari a Bollate: Parco Centrale M.L.King, Parco Camilleri, Scuola Marco Polo,Parco Expo 2015

La sanguinella è un arbusto deciduo che può crescere fino ad un massimo di 5 m e vive mediamente una trentina d’anni. Deve il suo nome alle foglie rosse in autunno e alla corteccia rossiccia dei suoi rami più giovani.

Foglie: di colore verde, opposte, picciolate, ovali-ellittiche possono raggiungere una lunghezza di 10 cm, apice acuminato, margine intero, ondulato, con nervatura centrale evidente e 3-4 nervature per lato arcuate che si dipartono dalla principale fino all’apice. La faccia inferiore è pelosa. In autunno diventano rosse.

Fiori: bianchi, profumati e quadripetali, sono ermafroditi; compaio da maggio a giugno, e talora anche una seconda volta in autunno; sono riuniti in una infiorescenza a corimbo di 4-6 cm all’apice dei rami giovani.

Frutti: neri a maturazione, sono drupe sferiche grandi come un pisello poco commestibili.

Utilizzo/Particolarità : La Sanguinella cresce bene in qualsiasi habitat e in breve tempo forma raggruppamenti fitti che consolidano terreni in pendenza e rinverdisce aree incolte e boscaglie. Nei giardini viene utilizzata a scopo ornamentale per le sue foglie autunnali che si tingono di color rosso sangue.
Il legno duro e compatto, (Plinio chiamava il corniolo sanguinello Cornus “femina” per il legno meno duro rispetto a Cornus mas), viene impiegato per costruire manici per attrezzi e bastoni da passeggio. All’inizio del secolo il suo legno duro e bianco veniva bruciato come carbonella.
Dai suoi frutti, poco commestibili, veniva estratto olio per le lampade e i colori per l’industria tintoria. I suoi rami venivano usati per fabbricare cesti.

Per saperne di più: Wikipedia —- ActaPlantarum

CORNUS ELEGANTISSIMA VARIEGATA

Esemplari a Bollate: Parco Expo 2015

Arbusto simile alla Sanguinella, ma con foglie più allungate, lanceolate, con margine foliare bianco crema; i rami presentano una corteccia rossiccia, i fiori, bianchi sono riuniti in inflorescenza a corimbo che compare a maggio-giugno. I frutti neri sono piccole drupe sferiche.

Utilizzo/Particolarità : viene coltivato nei giardini essenzialmente a scopo ornamentale.

Ultimo agg.: 26 Nov 2021

CORNUS
Tag: