L’ampio giardino pubblico (circa 28.000 mq), collocato tra le vie Friuli, Lorenzini e Pellico, intitolato a Giorgio Perlasca (l’imprenditore che salvò più di 5000 ebrei dallo sterminio),  è diventato ufficialmente il 15/4/2019 sede del Giardino dei Giusti dell’Umanità di Bollate, dove si rievocano donne e uomini che hanno operato per difendere i diritti dell’uomo, impedire i genocidi, salvaguardare la memoria delle persecuzioni.  I “Giardini dei Giusti” sono un progetto di Gariwo (Gardens of the Righteous Worldwide) https://it.gariwo.net/giardini/ realizzato in molte parti del mondo dove spazi pubblici diventano luoghi di memoria.

I “Gruppi di Cammino di Bollate” partecipano attivamente agli eventi:

Tabellone del Giardino dei Giusti
Giusti ricordati nel Giardino di via Perlasca di Bollate


Mappatura di Alberi ed Arbusti nel 'Giardino dei Giusti'

Nel giardino sono presenti 30 alberi ad alto fusto e numerosi arbusti o piccoli alberi, in particolare:

  • la zona più a sinistra (ovest), prospicente le gradinate discendenti dell’anfiteatro, è contornata da svettanti Alberi dei Tulipani, da un Salice, da una fitta siepe di Lauroceraso ed è chiusa dall’imponente cedro dell’Himalaya (Deodara) dedicato a Primo Levi;
  • la zona centrale poligonale con i sedili in cemento è contornata da gazebo di legno ricoperti da Glicine e più esternamente è presente da un anello composto da Cedri dell’Himalaya e Peri ornamentali da fiore;
  • nel giro più esterno procedendo in senso orario si identificano un Gelso bianco, un Nocciolo (arbusto), un Lillà (arbusto), un Bagolaro, due Oleandri e nello spicchio più a sud un Nespolo del Giappone, un Ulivo ed un Susino;
  • nello spicchio a sud verso via Silvio Pellico è presente una Betulla, una Palma, un Ciliegio, un Melo (arbusto) ed un Acero Saccarino con due tronchi;
  • i Carpini piramidali posti sul raggio di sud-est sono stati piantumati in occasione della cerimonia e dedicati ai Giusti dell’Umanità.

 


● 15/04/19 – Inaugurazione del Giardino dei Giusti dell’Umanità

Lunedì 15 aprile alle ore 11 è stato inaugurato a Bollate in via Perlasca, anche con il nostro contributo,

IL GIARDINO DEI GIUSTI DELL’UMANITÀ
“Un giardino come un libro aperto dedicato a mantenere viva e
rinnovare la memoria di quanti, in ogni tempo e in ogni
luogo, hanno fatto del bene salvando vite umane, si sono
battuti in favore dei diritti umani durante i genocidi e hanno
difeso la dignità della persona rifiutando di piegarsi ai
totalitarismi e alle discriminazioni tra esseri umani.”

Se volete saperne di più sui Giusti dell’Umanità guardate il filmato: “Conoscere i Giusti

Alla cerimonia, presenziata dalle Autorità cittadine, hanno partecipato oltre 300 studenti, in rappresentanza di tutti i plessi scolastici di Bollate, ANPI, ACLI, PRO LOCO Bollate  e i “Gruppi di Cammino di Bollate”.

Durante la cerimonia stati dedicati 5 alberi (un Cedro dell’Himalaya e 4 Carpini) ad altrettanti Giusti dell’Umanità e sono state scoperte le Targhe commemorative :

  1. Primo Levi – presentato da ragazzi della Primaria Montessori – Targa scoperta con la partecipazione di Daniela Palumbo e della Sindaca dei Ragazzi Emma;
  2. Clotilde Nardini – presentata da ragazzi della Secondaria Montale – Targa scoperta con la partecipazione di Silvano Sorani;
  3. Nelson Mandela – presentato da ragazzi della Primaria Rosmini – Targa scoperta con la partecipazione di ANPI e della Vicesindaca dei Ragazzi Isabella;
  4. Felicia lmpastato – presentata da ragazzi delle Secondarie dell’IC Brianza – Targa scoperta con la partecipazione di ACLI;
  5. Costantino Baratta – presentato dai ragazzi dell’ ITCS “Primo Levi”.

A conclusione della cerimonia il Sindaco e rappresentanti dei “Gruppi di Cammino di Bollate” hanno inaugurato la bacheca con il “Tabellone commemorativo” realizzato in collaborazione con l’Assessora alla Pace Lucia Albrizio, promotrice dell’iniziativa insieme al maestro Mirko Luppi. Nel Tabellone sono riportate alcune brevi note sulla vita di ciascun Giusto, che si possono approfondire utilizzando il QR Code, e la “mappatura” degli alberi del Giardino.

(foto di Loredana e Silvana dei Gruppi di Cammino di Bollate)

Ultimo agg.: 05 Mag 2022


● 23/05/19 – Passeggiata per la Legalità

Una folta rappresentanza dei Gruppi di Cammino di Bollate ha partecipato alla manifestazione in ricordo dei giudici Falcone e Borsellino e di tutte le vittime della mafia presso il Giardino dei Giusti dell’Umanità (Parco di via Perlasca) dove gli studenti dei 3 Istituti Comprensivi di Bollate si sono incontrati portando ciascuno con un pezzo dello striscione che ricomposto propone la frase emblematica:

LE LORO IDEE CAMMINANO SULLE NOSTRE GAMBE.”

Pagazzi ed adulti hanno recitato in coro la canzone “CUORE” di Jovanotti (clicca qui per ascoltarla cantata dall’autore)

Ultimo agg.: 05 Mag 2022


● 09/10/21 – Quattro nuovi Giusti dell’Umanità a Bollate

Alla presenza di Alì Ehsani, profugo afgano affermato scrittore, e dei rappresentanti delle Associazioni ANPI, ACLI, Pro Loco, Gruppi di Cammino, sabato 9 ottobre 2021 presso il Giardino dei Giusti di via Perlasca a Bollate si è tenuta la cerimonia di dedicazione di quattro nuovi Giusti dell’Umanità.

Dopo i saluti istituzionali un gruppo di ragazzi, in rappresentanza degli alunni delle scuole di Rosmini/Marco Polo, Gramsci, Leopardi, Montessori/Montale, ha rievocato e ricordato brevemente la vita di Janusz Korczack, don Lorenzo Milani, Iqbal Masih, Malala Yousafzai e le motivazioni per le quali sono stati iscritti tra i Giusti dell’Umanità. I ragazzi hanno quindi scoperto le targhe, dedicate a ciascun Giusto, poste in prossimità degli alberi messi a dimora in loro ricordo (svettanti carpini piramidali).

A conclusione della cerimonia la Sindaca del Consiglio Comunale delle Ragazzi e dei Ragazzi e il Sindaco do Bollate, Francesco Vassallo, hanno scoperto il nuovo Tabellone dei Giusti realizzato ed offerto alla città dai “Gruppi di Cammino di Bollate”.

Un grazie di cuore ai camminatori che hanno onorato con la loro presenza questi nuovi Giusti dell’Umanità.

Ultimo agg.: 05 Mag 2022


● Aprile 2022 – Gli alunni dell’IC.Brianza al Giardino dei Giusti di Bollate

Il 4, 5, 6 e 8 aprile Alice, Gian Piero, Loredana e Silvana, aderenti ai Gruppi di Cammino, insieme a Pino Parisi, presidente dell’ANPI, e Alfonso Di Pasqua della pro Loco, hanno accompagnato gli alunni delle classi quarte delle scuole primarie Iqbal Masih di via Como, Don Milani di via Coni Zugna e delle classi prime della scuola secondaria Leopardi di via Brianza, nella visita al giardino dei Giusti di via Perlasca. Tale uscita si è inserita a conclusione del progetto “Adotta un Giusto“, promosso dal gruppo legalità dell’IC Brianza, in cui le classi hanno approfondito in aula la storia delle figure dei Giusti presenti nel Giardino di Bollate.

Alice ha ricordato che il primo Giardino dei Giusti venne creato da Moshe Bejski, scampato alla deportazione nazista grazie all’intervento di Oskar Schindler, nel 1962 a Gerusalemme presso il museo dell’Olocausto. Egli ottenne che venisse piantato un albero per ogni uomo che durante la Shoah salvò almeno un ebreo dalla persecuzione nazista. Riuscì inoltre a far riconoscere come “Giusti tra le Nazioni” quelle persone che in ogni tempo e in ogni luogo hanno fatto del bene salvando vite umane.

Dopo questa breve introduzione ciascuna classe ha narrato ai compagni della classe con cui erano abbinati quanto avevamo appreso durante la preparazione in aula sulla vita e sulle vicende di Malala Yousafzai, Felicia Impastato, Janusz Korczak, Costantino Baratta, Nelson Mandela, don Lorenzo Milani, Primo Levi e Iqbal Masih.

Gian Piero ha poi sottolineato le motivazioni che spingono a piantare un albero per ogni individuo che ha scelto il “bene”: gli alberi sono i protagonisti delle origini e del futuro della vita sulla Terra. Gli Alberi rappresentano un continuum tra le generazioni e a loro viene perciò affidata la custodia della memoria dei Giusti.

L’assessore Lucia Albrizio, presente nell’ultima giornata di visita, ha sottolineato l’importanza di ciascuno di noi per la costruzione di un mondo di pace che passi dalla Memoria dei Giusti e un docente ha ricordato che ”riflettere sulle figure dei Giusti ha rappresentato per gli studenti un momento di formazione importante in quanto potrà aiutarli a compiere azioni giuste nel proprio spazio di responsabilità”.

il 4 aprile 22 sono stati ricordati:   Malala Yousafzay  e  Felicia Bartolotta Impastato

il 5 aprile 22 sono stati ricordati:  Janusz Korczak  e  Costantino Baratta
il 6 aprile 22 sono stati ricordati: Don Lorenzo Milani  e  Nelson Mandela
l’8 aprile 22 sono stati ricordati: Primo Levi  e  Iqbal Masih
Indice delle Piante presenti nel Giardino:
(● “clicca” sul nome per vedere la scheda botanica e le fotografie)

Ultimo agg.: 22 Mag 2022